HIGHLIGHTS Recensioni

“Cercando Alaska”. Coming of age con messaggi socialmente positivi nella nuova serie Sky

“Cercando Alaska” è la nuova miniserie televisiva statunitense creata da Josh Schwatrz sulla base dell’omonimo romanzo di John Green uscito nel 2005. Dal 27 maggio al 17 giugno su Sky Atlantic e Now Tv, la serie si rifà pedissequamente al libro, salvo alcune aggiunte necessarie per il riadattamento televisivo. Narra le vicende di Miles Halters, soprannominato il Pancho a causa della sua eccessiva magrezza, che inizierà a studiare in una prestigiosa scuola, dove dovrà fare i conti con sé stesso e con i suoi coetanei; qui conoscerà anche Alaska Young, esplosiva, vivace e grandissima amante dei libri, Chip “Il Colonnello” Martin, geniale, ma pieno di problemi, e Takumi Hikohito, un giovane nerd pieno di risorse.

Miles Halter ha un’unica passione: trovare e memorizzare le ultime frasi di personaggi celebri, come la rassicurante “ci hanno visti” pronunciata da James Dean prima di schiantarsi, quel “è ovvio” di JFK a Dallas, prima dello sparo che lo uccise o la suggestiva “Vado a cercare il grande forse” del poeta francese Georges Rabelais. Miles sceglierà di andare in cerca del suo “grande forse” iscrivendosi alla Culver Creek Academy, una scuola esclusiva a metà tra un liceo americano e un campeggio nella natura, un luogo immerso nel verde, dove amicizie, colpi di fulmine, ma anche nonnismo, guerre fra bande, scherzi crudeli e rigide regole costringeranno Miles a uscire dal suo guscio.

All’interno della serie tv e del libro, ritroviamo una serie di messaggi positivi come: la salute mentale (si parla di ansia, depressione e tassi di suicidio), le differenze di genere, il rapporto tra genitori e figli, il bullismo e la violenza. Nonostante negli ultimi 15 anni questi argomenti siano stati più volte trattati all’interno di programmi televisivi, la serie vuole essere un punto di partenza per una nuova scia di positivi messaggi sociali, rivolti principalmente ai più giovani, ponendo l’attenzione su temi ancora in penombra. La serie ha tutte le caratteristiche per diventare un nuovo successo Sky dopo il colpo d’ala di “Diavoli”.

Flavia Arcangeli

Condividi quest'articolo