Stasera, venerdì 18 febbraio, arriva l’attesissima quarta stagione della stand-up comedian più amata d’America, Mrs. Miriam “Midge” Maisel (Rachel Brosnahan). “La fantastica signora Maisel”, pungente, ironica, ed esplosiva, tornerà su Amazon Prime Video per raccontare, con il suo inconfondibile stile, gli eventi che le capitano.

Durante le prime tre stagioni abbiamo assistito ai primi passi della protagonista nella sua nuova esistenza. Midge amava tenere le cose sotto controllo, gestire tutto e tutti, misurare, annotare, pianificare, quando la sua perfetta vita va a rotoli: di punto in bianco viene lasciata dal marito Joel (Michael Zegen) per la segretaria; così si ubriaca, prende la metropolitana e si reca al Gaslight, dove sale sul palco e comincia a raccontare quello che è successo. Lì però avviene la magia: il palco diventa per lei un luogo in cui, ribaltando l’originale concezione, finisce la finzione e comincia la realtà, iniziando finalmente a conoscersi e a riconoscersi. È una volta davanti al microfono, infatti, che Miriam è davvero sé stessa, riuscendo a raccontare, e ad affrontare, con tagliente onestà e linguaggio scabroso (quanto esilarante) i “fallimenti” della sua vita dell’Upper East Side. Proprio grazie alla sua comicità la protagonista sprigiona tutta la sua forza, che si cela tanto nel modo che ha di entrare in scena, quanto in quello con cui affronta la vita stessa, narrata a sua volta episodio dopo episodio e spettacolo dopo spettacolo. La protagonista inizierà così la sua lunga scalata verso il successo come comica, partendo dal fatiscente Gaslight, locale della sua prima esibizione e dove incontrerà la sua burbera e inseparabile manager, Susie Myerson (Alex Borstein), che per prima ha visto in lei una scintilla da alimentare e proteggere, e poi calcando i palchi dell’intero Paese, in tour per aprire le esibizioni della nota stella americana Shy Baldwin.

Le prime tre stagioni della serie (trasmessa dal 2017), dal ritmo serrato e accattivante – sebbene con un rallentamento nella seconda stagione – sono apparse come una grande commedia teatrale in più atti, in cui la coralità dei personaggi, tutti spassosi ed esplorati a fondo dai creatori, la coppia Sherman-Palladino, funzionava da collante degli episodi e da catalizzatore del percorso di Miriam. Allo stesso tempo, l’aver saputo ricreare perfettamente l’atmosfera dei primi anni ‘60, legando le vicende a personalità realmente esistite, ha dato estrema credibilità alla storia (Lenny Bruce, Shy Baldwin, Jackie “Moms” Mabley, hanno tutti un posto di rilievo negli episodi). Cosa aspettarci dalla nuova stagione e dalla carriera di Miriam (lasciata appesa a un filo nella terza stagione) lo scopriremo da stasera , dopo aver lasciato gli appassionati per ben tre anni in attesa di scoprire quali saranno le prossime strambe vicende della sua vita. Noi, seduti insieme al pubblico, non potremo far altro che assistere al prossimo spettacolo della fantastica signora Maisel. “Tits Up!”

Chiara Fedeli