HIGHLIGHTS Recensioni

La prima vacanza non si scorda mai. Una commedia piccola piccola

Come il primo amore, indimenticabile, delicato, tenero, romantico e foriero di speranze anche la prima vacanza non si scorda mai. Ma la pellicola La prima vacanza non scorda mai si dimentica facilmente senza destare nello spettatore particolari pathos, sussulti ed emozioni: una commedia francese, “che mescola il tema del romanticismo a quello del viaggio”. Divertente, sì, ma piccola, piccola.

La storia però è tenerissima e decisamente 3.0 con le app Tinder, AirBnb e TripAdvisor a fungere da cornici narrative e fortificanti della coppia di due trentenni, Marion e Ben, totalmente divergenti e dicotomici: lei avventuriera, lui preciso. I due si conoscono proprio su Tinder e dall’incontro in un mondo virtuale passano in poco tempo a quello reale con la condivisione delle loro nevrosi in un viaggio in Bulgaria per poi rivivere la loro esperienza su un fumetto, realizzato proprio da Marion, più intraprendente di Ben. È una pellicola incentrata su un duo con la Bulgaria, la meta del viaggio, terzo personaggio del film, e non a caso il film citato nella pellicola è proprio un altro famoso duo cinematografico quello di Bruno Cortona, interpretato da Vittorio Gassman, e di Roberto Mariani, interpretato da Jean-Louise Trintignant, di Il sorpasso di Dino Risi, la cui analisi filmica è un’ulteriore prova dell’antitesi caratteriale tra Marion e Ben: “per Marion Il Sorpasso è la storia di un uomo che ha molte avventure. Per Ben è invece la storia di un ragazzo dalla vita tranquilla che incontra un tipo avventuroso”.

Primo lungometraggio del grafico Patrick Cassier, La prima vacanza non si scorda mai si ispira alle commedie di Bruno Podaydès, di Cédric Klapish, di Agnès Jaoui e Jean-Pierre Bacri e, in particolare, alle pellicole appartenenti al filone dei “ritornelli della vita”: una commedia romantica tipicamente francese. Dal 20 giugno al cinema.

Alessandra Alfonsi

Condividi quest'articolo