HIGHLIGHTS Recensioni

“Nero a metà”, bilancio più che positivo per la seconda stagione

Dopo il successo della prima stagione andata in onda su RAI 1, quest’anno in collaborazione con Netflix, Claudio Amendola è tornato a vestire i panni dell’ispettore Carlo Guerrieri, in “Nero a Metà”, una serie profondamente radicata nell’orizzonte multiforme e multiculturale della Roma attuale. Nella nuova stagione ritroviamo l’Ispettore di Polizia Carlo Guerrieri, capo dell’investigativa, e il suo vice Malik Soprani, ansioso di autonomia e appena promosso. Il loro rapporto continua ad essere burrascoso, rendendoli una coppia formidabile nelle indagini. Anche in questa stagione, le indagini seguono un ritmo rapido, incalzante, con momenti di altissima tensione accompagnati a momenti di ilarità, poco usata nel genere noir.

Parallelamente alle indagini, in “Nero a metà”, troviamo i racconti delle vite private dei nostri protagonisti, raccontate in modo semplice e lineare, gli errori del passato tornano a chiedere il conto, amori nascono e finiscono, portando scompiglio all’interno del commissariato. Lo show continua nel suo intento: esplorare il tema della diversità, mettendone in scena gli aspetti più critici e contrapposti. Puntata dopo puntata ci si addentra in una Roma spaccata, divisa in due. Ottime le ambientazioni: la città che traspare in questa serie, sia nella prima che nella seconda stagione, è viva, bellissima e complessa, quasi un personaggio a sua volta, fatto di incredibili contraddizioni e molteplici identità; attrattiva e repulsiva allo stesso tempo, ma comunque affascinante, che costituisce uno sfondo perfetto per la moltitudine di argomenti affrontati nella serie.

“Nero a metà”, stagione 2, riesce a centrare in pieno l’obiettivo, creando un mix perfetto tra le indagini e le vite dei personaggi, rendendo partecipe il pubblico, facendolo sentire al centro della serie. Il finale, lasciato volutamente aperto, e il successo ottenuto sono ottimi punti di partenza per immaginare una terza stagione, manca solo la conferma ufficiale.

Flavia Arcangeli

Condividi quest'articolo