Che cos’è una storia d’amore senza ricordi? Senza memoria? Una non-storia. Ed è proprio quella inesistente tra i protagonisti della pellicola “Nessuno deve sapere” diretta da Bouli Lanners.

Phil è il canuto protagonista, rimasto paralizzato dopo un ictus celebrale, che lo ha privato delle funzioni cognitive, in particolare della memoria. Non ricorda più nulla: neppure di aver avuto una storia d’amore con Millie, la figlia del proprietario della fattoria dove lavora.

I campi lunghissimi sugli splendidi paesaggi marini di un’isola scozzese permettono al regista di indagare sui grandi temi esistenziali della vita e della morte con toni spirituali e teologici, soprattutto nell’incipit. I primissimi piani sui volti dei personaggi, invece, gli consentono di rappresentare i drammi della malattia: di svelare lentamente i segni indelebili esaltando la memoria come essenza nei rapporti sociali.

“Nessuno deve sapere”, il cui titolo si riferisce alla scelta degli amanti di celare la loro storia d’amore, è una pellicola silenziosa, delicata e originale. Come ha dichiarato il regista, «Ho voluto scrivere questa particolare storia…volevo scrivere una storia d’amore che non sei abituato a vedere». In sala dal 1° Dicembre con Kitchen Film.

Alessandra Alfonsi