L’angolo di Michele Anselmi

La buona notizia è che “Io Capitano” di Matteo Garrone sia entrato nella cosiddetta shortlist per il migliore film internazionale in vista degli Oscar 2024. Sapremo il 23 gennaio se resterà nella cinquina ufficiale dalla quale sarà estratto il vincitore. L’anno scorso era toccato a “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino, regista già “oscarizzato” nel 2014 per “La grande bellezza”, di finire nella shortlist prima e poi nella cinquina ufficiale, medesima categoria. Ecco, qui sotto, tutti gli altri titoli contenuti nella lista allargata diffusa ieri. Naturalmente faccio il tifo, da italiano, per Garrone; ma molto mi piacciono, tra i film che ho visto, specialmente “Foglie al vento” di Aki Kaurismäki e “Perfect Days” di Wim Wenders, accanto a “The Promise Land” di Nikolaj Arcel e “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer. “Anatomia di un delitto” di Justine Triet avrebbe meritato, secondo me, di essere della partita, ma la commissione francese ha deciso altrimenti. Peccato.
Armenia: “Amerikatsi”
Bhutan: “The Monk and the Gun”
Danimarca: “The Promised Land”
Finlandia: “Foglie al vento”
Francia: “La passion de Dodin Bouffant”
Germania: “The Teachers’ Lounge”
Islanda: “Godland”
Italia: “Io Capitano”
Giappone: “Perfect Days”
Messico: “Totem”
Marocco: “The Mother of All Lies”
Spagna: “La società della neve”
Tunisia: “Four Daughters”
Ucraina: “20 Days in Mariupol”
United Kingdom: “La zona d’interesse”