HIGHLIGHTS Recensioni

“Venezuela, la maledizione del petrolio”. Presto su SKY il documentario di Emiliano Sacchetti

“Il Venezuela è vittima di due maledizioni: la maledizione del petrolio e la maledizione di trovarsi molto vicino agli Stati Uniti”. Queste le parole di Pino Arlacchi, ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite, che riassumono la crisi iniziata nel 2013 e che ha portato il Venezuela non solo ad essere l’unico Paese al mondo con due presidenti, ma anche a registrare una crisi economica seconda solo alla Siria. L’eredità populista e bolivariana, lasciata dal presidente Chávez, subisce una battuta di arresto a causa della difficile situazione economica, sociale e finanziaria con cui Maduro si è trovato a fare i conti, a causa del crollo del prezzo del petrolio. Interessi ripartiti tra le varie potenze mondiali, l’embargo economico posto dagli Usa con la presidenza di Trump, una nuova guerra fredda in atto: ecco ciò che racconta “Venezuela, la maledizione del petrolio”, il documentario firmato da Emiliano Sacchetti.

Luisa Ortega Díaz, procuratrice Générale esiliata in Colombia, afferma che “in questo momento il Venezuela sta vivendo la peggiore situazione possibile”. Gli estratti video ripresi dagli archivi storici, i commenti di esperti che analizzano il quadro generale e le parole di alcuni dei milioni di venezuelani costretti a fuggire, o a vivere con i pochi sussidi alimentari dati dal governo, sottolineano le parole della Díaz. Se pensiamo che ad oggi l’Italia registra lo svuotamento dei supermercati a causa del Covid-19, in Venezuela i supermercati sono pieni perché la maggior parte della popolazione non può acquistare nulla, avendo un salario mensile minimo di 40.000 bolívar (meno di due euro al mese).

Lo stile narrativo e comunicativo utilizzato, perfettamente in grado di informare e descrivere, mostra e coinvolge lo spettatore in una vicenda di portata storica come la crisi venezuelana, conseguenza di una lotta tra superpotenze mondiali che non solo ha diviso il mondo, ma che ha come unica vittima la popolazione. Nonostante il finale sembri troncare forzatamente il racconto, la logica e la struttura di “Venezuela, la maledizione del petrolio” raggiungono il suo scopo: fornire una visione limpida, chiara e dura di uno dei Paesi che fino a pochi anni fa era uno dei più ricchi al mondo.

“Venezuela, la maledizione del petrolio”, diretto da Emiliano Sacchetti e prodotto da G. Avantaggiato per GA&A Production, il 13 marzo è stato proiettato al Palazzo dei Congressi di Le Touquet – Paris – Plage, in occasione della partecipazione al concorso al FIGRA – Festival Internazionale di Grandi Reportage e Documentari su società. Sarà trasmesso, sulla piattaforma Sky Italia al canale 407 History, lunedì 30 marzo alle 22.40.

Cristina Quattrociocchi

Condividi quest'articolo