HIGHLIGHTS News

YouTrailer: il giovane rinascimento digitale del cinema italiano

Il 3 aprile, il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’università della Sapienza, con la guida del regista Roberto Faenza, della docente Mihaela Gavrila e in collaborazione con la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Cinemonitor, MIUR e MIBAC hanno presentato il concorso YouTrailer, rivolto agli studenti delle Scuole Medie Superiori.
Lo scopo è far realizzare ai ragazzi dei trailer per film d’autore che vanno da “I bambini ci guardano” di Vittorio De Sica a “Riso Amaro” di Giuseppe De Santis, da “Mamma Roma” di Pier Paolo Pasolini a “I vitelloni” di Federico Fellini. YouTrailer non è solo fare, ma è anche un buon motivo per far riscoprire il cinema d’autore ai più giovani nonché e per potenziare il lato creativo dei partecipanti. I lavori possono essere realizzati nei modi più svariati (singole sequenze, animazione, montati e ricreati…): non c’è nessun limite alla fantasia se non quello di rispettare la durata massima dei 180 secondi.
Durante la presentazione dell’evento presso la GNAM erano presenti il presidente di Cinecittà Luce Roberto Ciccuto, la direttrice di Rai Teche Maria Pia Ammirati, l’attore e regista Alessandro Preziosi e il presidente ANICA Francesco Rutelli, assieme a professori e trailermakers. Tra questi ultimi, Eduardo Massieri ha dichiarato di essere “molto curioso di vedere un progetto che svincola dalle leggi di mercato, soprattutto con trailer che durano circa 3 minuti invece che 1”; il consiglio che ha dato ai ragazzi, infine, è stato quello di “far sì che la fantasia prenda il sopravvento”. D’altro canto, il Professore Giovambattista Fatelli considera sì il progetto “molto interessante” laddove “l’arte cinematografica incontra i linguaggi della pubblicità e della rete”, ma ha anche ammesso che “la creazione di un trailer cinematografico debba avere un linguaggio applicato con giudizio”. Il vincitore sarà decretato in autunno. Per partecipare c’è tempo fino al 19 maggio.

Sarah Shaqiri

Condividi quest'articolo